|

martedì 30 ottobre 2018

Un sano invecchiare

E’ quello con i muscoli in salute

LIFE STYLE
imm4La popolazione globale sta invecchiando rapidamente e viviamo più a lungo. Una maggiore aspettativa di vita è cosa positiva, ma significa anche che siamo a rischio di sviluppare malattie legate all'età.

L'osteoporosi è stata presa di mira negli ultimi due decenni e ha portato a diagnosi e gestione della condizione molto migliori. 

Ma per quanto riguarda la salute dei muscoli? La massa muscolare scheletrica è responsabile della nostra capacità di movimento, funzionamento ed è essenziale per la salute e il benessere generale. Ora sappiamo che la massa muscolare inizia a diminuire a partire dai trent'anni! Le implicazioni di questo declino, aggravate da esposizione per molti anni con l'età, possono avere effetti terribili sulla salute e sulla qualità della vita. 

La sarcopenia è una sindrome geriatrica (!) caratterizzata da una perdita di massa muscolare, forza e funzione. Il termine fu proposto per la prima volta da Irwin Rosenburg nel 1989, combinando il greco "sarx" o carne con "penia" che significa perdita. Rosenberg ha  affermato con fervore che "nessuna singola caratteristica del declino correlato all'età è più sorprendente del declino della massa magra che influenza l'ambulazione, la mobilità, l'apporto energetico, l'assunzione e lo stato di nutrienti, l'indipendenza e la respirazione".

Analizzando e mappando la storia dell'osteoporosi, possiamo prevedere come è probabile che la sarcopenia si evolva e si riesca ad accelerare lo sviluppo e la gestione della sarcopenia per mezzo di soluzioni innovative per migliorare la qualità della vita. Solo recentemente (2016) è stata riconosciuta come condizione indipendente nel codice internazionale di classificazione delle malattie (ICD-10-CM), quindi si può a tutti gli effetti considerare la sarcopenia non un declino fisiologico ma una vera e propria patologia.

I meccanismi alla base della sarcopenia includono la resistenza anabolica, definita come una scarsa risposta sintetica della proteina muscolare a stimoli precedentemente efficaci come i nutrienti e l'esercizio fisico. L'esercizio di resistenza e la dieta sono infatti fattori critici per preservare la salute dei muscoli con l'avanzare dell'età. 

Tra i nutrienti che gli esseri umani assumono, gli amminoacidi attivano direttamente la sintesi delle proteine muscolari. L'amminoacido essenziale leucina, in particolare, funziona come segnale di stimolazione.
L'assunzione a lungo termine di amminoacidi essenziali arricchiti di leucina ha un effetto sinergico con l'esercizio fisico per aumentare la massa muscolare, la forza e la velocità di deambulazione negli individui anziani e può essere una contromisura efficace contro la sarcopenia.
I prodotti finali di glicazione avanzata (AGE), un gruppo di composti formati da reazioni non enzimatiche tra gruppi carbonilici di zuccheri riduttori e gruppi amminici liberi di proteine, lipidi o acidi nucleici, possono essere aumentati dalla dieta o formati all'interno del corpo . Gli AGE si accumulano intracellularmente ed extracellularmente in tutti i tessuti e fluidi corporei e possono cross-linkarsi con altre proteine ​​e quindi influenzarne le normali funzioni. Inoltre, gli AGE possono interagire con specifici recettori della superficie cellulare e così alterare il segnale intracellulare, l'espressione genica, la produzione di specie reattive dell'ossigeno e l'attivazione di diversi percorsi infiammatori.

Alti livelli di AGE nella dieta, nei tessuti e nella circolazione sono patogeni per parecchie malattie. Per quanto riguarda la mobilità, gli AGE si accumulano nelle ossa, nelle articolazioni e nei muscoli scheletrici, svolgendo ruoli importanti nello sviluppo dell'osteoporosi, dell'osteoartrosi e della sarcopenia con l'invecchiamento. L’intervento dietetico per ridurre i livelli tissutali di AGE coinvolge  strategie di cottura (brevi tempi di riscaldamento, basse temperature, elevata umidità e / o esposizione ad una soluzione acida) per sopprimere la generazione di nuovi AGE nel cibo. Infatti i metodi di cottura ad alta temperatura come la frittura, la grigliatura, la torrefazione e la cottura ai ferri aumentano la produzione di AGE dietetici rispetto ai metodi di cottura a bassa temperatura come bollitura, cottura a vapore, cottura al vapore e stufatura.
I livelli di AGE dietetici sono correlati alle concentrazioni sieriche di AGE sia negli individui sani sia nelle persone con diverse patologie. Ridotti livelli di AGE serici sono stati associati a miglioramenti nei livelli di marcatori e mediatori infiammatori, come la molecola di adesione delle cellule vascolari 1 (VCAM-1), NF-κB e TNF-α.

Un metabolita naturale della leucina, il beta-idrossi beta-metilbutirrato (HMB), sta emergendo come trattamento efficace per la salute dei muscoli insieme all’allenamento con esercizi di resistenza (RET) e gli interventi nutrizionali.
L’integrazione con HMB durante RET migliora la massa magra nei giovani e stimola in acuto la sintesi proteica muscolare; negli anziani la supplementazione cronica migliora  la sintesi di massa muscolare e la funzione del muscolo. Lo ha dimostrato uno studio inglese randomizzato in doppio cieco controllato con placebo.
 
Meno sicuro è il ruolo della supplementazione con HMB nel ridurre la massa grassa e, quindi, nel trattamento dell'obesità sarcopenica.
 
Per approfondire:
AGEs: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6180645/
HMB: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30360984
 
 
Dietosystem, da sempre a fianco dei nutrizionisti italiani, vi propone la Suite Nutrizionale, il software che fa da cassetta degli attrezzi per il professionista della nutrizione. 
La Suite coniuga l’analisi alimentare, l’analisi della composizione corporea e la plicometria per arrivare al trattamento dietetico super personalizzato.
Inoltre, per una dieta d’attacco, vi consigliamo il protocollo Dieta Combinata, che integra un piano alimentare fortemente ipoglucidico con le proteine del siero del latte per preservare la massa magra.