|

martedì 29 settembre 2020

Arachidonico contro Covid?

Una proposta da considerare

Ricerca Clinica e di Base
Immagine alimentiNonostante il fatto che milioni di persone in tutto il mondo siano esposte al virus della sindrome respiratoria acuta grave (SARS-CoV-2), solo alcuni vengono infettati, di cui pochi sviluppano la malattia COVID-19 e tra questi solo alcuni sviluppano una malattia grave che richiede ospedalizzazione, ossigenoterapia e intervento ventilatorio. Cosa distingue le diverse risposte?

L'attuale comprensione di COVID-19 suggerisce che il virus utilizza il recettore dell'enzima di conversione dell'angiotensina-2 (ACE-2) e la proteasi transmembrana della proteasi serina 2 (TMPRSS2) per entrare nelle cellule bersaglio.

Sulla base della attuale conoscenza del genoma del SARS-CoV-2 e dei suoi componenti antigenici, sono in corso sforzi per sviluppare specifici farmaci antivirali, vaccini e terapie anticorpali (inclusa la terapia al plasma).  

L’autore dell’articolo, il dott. Das di Washington, propone un’analisi del ruolo potenziale dei lipidi bioattivi (BAL) in COVID-19.

I lipidi bioattivi, come l'acido arachidonico (AA), l'acido eicosapentaenoico (EPA) e l'acido docosaesaenoico (DHA) e i loro metaboliti, come le prostaglandine pro-infiammatorie (PG), i leucotrieni (LT), la lipossina infiammatoria A4 (LXA4, derivata da AA), le resolvine (derivate da EPA e DHA), le protectine e le maresine (derivate dal DHA) possono avere un ruolo significativo in COVID-19.

Questa proposta si basa sull'osservazione che AA e altri BAL
  1. possono inattivare virus con involucro, come HCV, HBV, influenza e altre specie di coronavirus;
  2. hanno la capacità di facilitare la generazione di macrofagi M1 e M2 (M1 da BAL pro-infiammatori, come PG e LT, e M2 da BAL anti-infiammatori, come LXA4, resolvine, protectine e maresine);
  3. possono sopprimere la produzione di IL-6, TNF-α e altre citochine pro-infiammatorie soprattutto da AA / EPA / DHA, PGE2 e LXA4 e migliorare la formazione di IL-10 da LXA4;
  4. AA / EPA / DHA / PGE1 / LXA4 hanno azioni citoprotettive e, quindi, proteggono le cellule normali dalle tossine sia endogene che esogene, compresi i virus;
  5. AA / EPA / DHA / LXA4 / resolvine, protectine e maresine hanno effetto vasodilatatore, anti-aggregatore piastrinico e sopprimono l'attivazione dei leucociti, l'aderenza e la loro capacità di rilasciare i radicali liberi;
  6. BAL in particolare LXA4, resolvina , le protectine e le maresine risolvono l'infiammazione e migliorano la guarigione delle ferite.
Pertanto, la disponibilità, la formazione e il rilascio di quantità appropriate di AA / EPA / DHA (in particolare AA) e il mantenimento di un equilibrio tra BAL pro e antinfiammatori dovrebbero essere di beneficio nella prevenzione e nel miglioramento del COVID-19. Di tutti i BAL, l'AA sembra essere di beneficio significativo in questo contesto, poiché costituisce il precursore sia della PGE2 pro-infiammatoria che dell'LXA4 anti-infiammatorio.

Inoltre, l'AA ha azioni citoprotettive (che protegge in particolare le cellule endoteliali e neuronali vascolari), sopprime l'attivazione delle piastrine e dei leucociti e quindi previene le complicanze tromboemboliche osservate in COVID-19.

Questa proposta implica che una carenza di AA (e EPA e DHA; AA> EPA ≥ DHA) possono aumentare la suscettibilità di un individuo all'infezione da SARS-CoV-2 e la somministrazione di questi acidi grassi possa migliorare il processo di recupero.
 

Author:Undurti N. Das

Source:Medicina 2020, 56(9), 418;