|

martedý 27 giugno 2017

Proteine del latte e microbiota

Uno studio in vitro

NUTRIZIONE
imm3Un gruppo di ricercatori spagnoli ha valutato l’effetto di diversi tipi di siero di latte - vacca, pecora, capra e una miscela di essi (60: 20: 20, rispettivamente) - nel microbiota umano intestinale.
Il potenziale prebiotico di questi substrati è stato valutato attraverso la digestione gastrointestinale in vitro a seguito di fermentazioni di coltura batch (imitando la fermentazione colonica) per 48 ore, usando feci da donatori di peso normale (NW) e obesi (OB).

Durante il processo di fermentazione sono stati misurati pH, produzione di gas, acidi grassi a catena corta e ramificata (SCFA-BCFA), così come i cambiamenti di microbiota usando la PCR quantitativa.
Il pH è diminuito in tutti i campioni di siero di latte durante il processo di fermentazione.
La produzione di gas era più elevata in tutti i campioni di siero di latte ma anche nei controlli, soprattutto a 12 ore (p <0,05).
La diversità della produzione di SCFA e BCFA era significativa tra i donatori, in particolare per il latte di mucca e la miscela.

Il siero di latte aveva un forte effetto prebiotico sul microbiota intestinale dei donatori NW e OB, mostrando un aumento significativo di Bifidobacterium (p <0,05) con il latte di mucca, pecora e il siero di latte e aumento del gruppo Lactobacillus, in particolare nei donatori OB.
I batteri associati all'obesità non hanno mostrato un aumento in nessuno dei gruppi di donatori.
Quindi, completare una dieta con questi tipi di siero di latte può stimolare selettivamente la crescita dei batteri probiotici, migliorando la produzione di SCFA, che potrebbe migliorare i disturbi intestinali.
Il siero di latte ha un potente effetto prebiotico. Può stimolare selettivamente i batteri desiderati e il profilo SCFA, sia nei donatori OB che NW, contribuendo a migliorare la salute intestinale e ridurre l'obesità.
 
Autori: Sánchez-Moya T, López-Nicolás R, Planes D, González-Bermúdez CA, Ros-Berruezo G, Frontela-Saseta C.
Fonte: Food Funct. 2017 Jun 21. doi: 10.1039/c7fo00197e. [
Link della fonte: http://pubs.rsc.org/en/Content/ArticleLanding/2017/FO/C7FO00197E#!divAbstract


Dietosystem, da sempre a fianco dei nutrizionisti italiani, ha appena rilasciato una nuova versione della Suite Nutrizionale, il software che fa da cassetta degli attrezzi per il professionista della nutrizione.

Scopri qui cosa c’è di nuovo nell’aggiornamento 15.0!

In particolare è disponibile il nuovo modulo DISBIOSI INTESTINALE con 5 codici patologia specifici (IBS con prevalenza diarrea; IBS con prevalenza stipsi; IBS con alvo alterno; LGS; SIBO) e relative schede sinottiche e di counselling.

Inoltre, per tutti gli ingredienti presenti in banca dati è stata indicata la presenza di uno o più FODMAP (= Fermentable Oligosaccharides, Disaccharides, Monosaccharides and Polyols) con la possibilità di monitorare e commentare la sintomatologia del paziente in seguito a esclusione/riammissione degli alimenti nella dieta.

Ulteriori informazioni qui.