|

martedì 27 febbraio 2018

Perché la dieta proteica?

Perché è efficace nella perdita di peso

NUTRIZIONE
imm1Le diete ad alto contenuto proteico sono sempre più diffuse come strategia promettente per la perdita di peso, fornendo due vantaggi non sempre facili da conseguire:
- migliorare la sazietà
- ridurre la massa grassa.

Alcuni dei possibili meccanismi per la perdita di peso implicano un aumento della secrezione di ormoni della sazietà (GIP, GLP-1), ridotta secrezione di ormoni oressizzanti (grelina), aumento dell’effetto termico del cibo grazie alle proteine, alterazioni della gluconeogenesi e miglioramento dell'omeostasi del glucosio.
Le diete ad alto contenuto proteico possono aiutare a preservare la massa magra durante la perdita di peso: oltre ai numerosi studi sugli sportivi agonisti, una recente meta-analisi di 18 studi randomizzati controllati ha rilevato che gli anziani (oltre i 50 anni) possono conservare la massa magra durante la perdita di peso in modo più efficace quando consumano una dieta ricca di proteine.
Per quanto riguarda la distribuzione dei macronutrienti, sembra esserci una differenza nel fatto che la proteina venga aumentata a discapito di carboidrati o grassi: il contributo degli aminoacidi sul dispendio energetico e la ridotta lipogenesi dovuta alla diminuzione dell'offerta di glucosio nella dieta, riducono, nei soggetti obesi, lo sviluppo del tessuto adiposo. Una maggiore assunzione giornaliera di proteine ​​a spese dell'assunzione di grassi potrebbe ridurre sostanzialmente l'apporto energetico totale, che potrebbe tradursi in uno stato ponderale più sano.
 
Gli effetti a lungo termine delle diete ad alto contenuto proteico dipendono dalla popolazione studiata e dall'esatta composizione della dieta, ma hanno dimostrato di ridurre il peso e di esercitare effetti benefici sui fattori di rischio metabolici come il colesterolo totale e il triacilglicerolo .
In uno studio australiano, i ricercatori hanno determinato l'efficacia di un'assunzione elevata di proteine ​​verso una dieta ad alto contenuto di carboidrati sul mantenimento della perdita di peso dopo 64 settimane di follow-up. Gli autori non hanno riscontrato differenze significative tra i gruppi in merito alla perdita di peso. L'assunzione di proteine​, tuttavia, era direttamente correlata alla perdita di peso.
Un altro gruppo ha studiato l'effetto di un apporto proteico del 20% superiore (18% di energia contro il 15% di energia) per i successivi 3 mesi di mantenimento del peso dopo il dimagrimento. Hanno osservato che l'assunzione di proteine ​​più elevate comportava nel tempo un ri-guadagno del peso inferiore del 50%, probabilmente correlato all'aumento della sazietà e alla diminuzione dell'efficienza energetica. Va detto, tuttavia, che una dieta ipocalorica con un alto contenuto proteico del 20-30% è solo relativamente alta nelle proteine ​​rispetto a una dieta eucalorica con un livello proteico normale del 10-15%, la quantità assoluta di proteine ​​spesso non differisce tra le due diete.
 
La perdita di fluidi correlata all'assunzione ridotta di carboidrati e alla restrizione calorica complessiva sono altri fattori che potrebbero mediare la perdita di peso.
 
Studi di metabolomica hanno rivelato che un elevato apporto di aminoacidi a catena ramificata (BCAA, valina, leucina, isoleucina) e amminoacidi aromatici (fenilalanina, tirosina) possono essere associati con lo sviluppo di malattie metaboliche. È importante sottolineare che questo si verifica solo in combinazione con una dieta ricca di grassi: i ramificati contribuiscono all’accumulo di propionil-CoA e succinil-CoA, che sono un loro sottoprodotto catabolico. Propionil e succinil CoA inibiscono la citrato sintasi che rallenta il ciclo TCA, causano accumulo di substrati non completamente ossidati come le acilcarnitine, con stress mitocondriale, ridotta attività insulinica e perturbazione dell'omeostasi del glucosio. Pertanto, nelle persone con un apporto calorico elevato di grassi, l'integrazione con BCAA potrebbe esacerbare il rischio di malattia metabolica.
 
Le diete ricche di proteine ​​potrebbero fornire un carico acido ai reni, principalmente come solfati e fosfati. È stato ipotizzato che il calcio e quindi la massa ossea vengano usati per tamponare questo carico acido ma l’ipotesi della perdita d’osso è stata smentita da parecchi studi.
Al fine di mantenere un equilibrio acido-base del corpo, chi fa dieta ad alto contenuto proteico deve assumere alimenti alcalinizzanti come frutta e verdura ad alto contenuto di potassio. Gli integratori di glutammina o bicarbonato di sodio possono anche aiutare a ripristinare l'equilibrio acido-base nel corpo. Il centro ricerche DS Medica ha recentemente formulato un integratore ad hoc a base di vitamine, minerali e frutto oligosaccaridi, ideale per chi segue una dieta proteica!
Vedi qui la scheda di Proteobasic!
 
Inoltre, la propria fonte di proteine ​​va scelta con cura, con preferenza per quelle di alta qualità disponibili come integratori: molti alimenti ricchi di proteine ​​di origine animale (ad es. Carni rosse, uova e latticini) contengono anche alti livelli di grassi saturi e colesterolo. Le proteine ​​più sane delle verdure (fagioli, tofu, seitan o noci) o del pesce potrebbero essere un'alternativa valida.
 
 
Autori: Pesta DH, Samuel VT.
Fonte: Nutr Metab (Lond). 2014 Nov 19;11(1):53. doi: 10.1186/1743-7075-11-53. 
Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4258944/
 
Dietosystem®, divisione nutrizionale di DS Medica, La informa che è in linea il nuovo aggiornamento della piattaforma web DIETA COMBINATA® con due importanti novità:
1. Il protocollo passa da 3 a 5 fasi
Il nostro progetto di dieta chetogenica si evolve alla luce della valutazione clinica effettuata su 500 pazienti trattati con la dieta chetogenica. 
Il protocollo passa da 3 a 5 fasi, aggiungendo due fasi di transizione finalizzate al progressivo consolidamento del calo ponderale e al miglior mantenimento della massa magra. Il protocollo DIETA COMBINATA®, dopo la fase d'attacco prevede una più controllata reintroduzione dei carboidrati, questo consentirà, per leggeri problemi di sovrappeso, di procedere come di consueto nel trattamento in tre fasi mentre, per sovrappeso importante e obesità, di gestire in un più ampio lasso di tempo il raggiungimento dell'obiettivo ponderale.

2. La nuova linea di alimenti PROTEOFOOD
Da oggi il sistema dietetico si arricchisce di una nuova linea di prodotti VLC (Very Low Carb), come sempre di esclusiva prescrizione del Nutrizionista. La linea di alimenti PROTEOFOOD unitamente alla linea di integratori alimentari e alla personalizzazione dietetica, garantisce, sin dalle fasi più restrittive del protocollo DIETA COMBINATA®, un riequilibrio metabolico nutrizionale con una maggiore compliance del paziente. 
Grazie alla formulazione nutrizionale ad elevato contenuto proteico e bassissimo apporto glucidico, la linea PROTEOFOOD offre una gamma di alimenti dolci e salati, da integrare nel protocollo DIETA COMBINATA®, garantendo il corretto equilibrio nutrizionale nell'ambito della dieta chetogenica.
L'utilizzo degli alimenti PROTEOFOOD è discrezionale per il Nutrizionista ma soddisfa una necessità del paziente che richiede il consumo di alimenti dolci e salati ai pasti principali o nella prima colazione.Gli alimenti della linea PROTEOFOOD garantiscono nelle diverse fasi del dimagrimento una completa riabilitazione del metabolismo al corretto utilizzo dei carboidrati.

Per saperne di più su Proteofood
Per saperne di più su Integro

Affidati a chi ha 40 anni di esperienza nel trattamento dei pazienti obesi.
Se nutrizionista, puoi acquistare direttamente on line dallo store. Clicca qui.