|

martedì 25 settembre 2018

Prima di tutto, terapia comportamentale

Per non morire di obesità. Le evidenze scientifiche.

Ricerca Clinica e di Base
imm4Premesso che sovrappeso e obesità hanno effetti avversi sulla salute, quali sono le evidenze scientifiche sui benefici della perdita di peso?

Una recente revisione sistematica ha identificato 122 RCT (N = 62533) e 2 studi osservazionali (N = 209993). Rispetto ai controlli, i partecipanti sottoposti a interventi basati sul comportamento hanno avuto una maggiore perdita di peso medio a 12-18 mesi e meno recupero del peso perso.

Anche gli studi sulla perdita di peso e sugli interventi di mantenimento basati sui farmaci hanno riportato una maggiore perdita di peso o meno riguadagno nel gruppo di trattamento rispetto ai gruppi placebo a 12-18 mesi.

I partecipanti con prediabete avevano un rischio più basso di sviluppare diabete rispetto ai controlli se in terapia alimentare.

Non ci sono prove di altri benefici, ma risultati come mortalità, malattie cardiovascolari e cancro sono stati indagati di rado. Sono stati notati piccoli miglioramenti nella qualità della vita in alcuni studi sui farmaci, ma avevano un significato clinico poco chiaro. Inoltre l’uso di farmaci ha eventi avversi che la terapia alimentare non ha.

Quello che emerge è che vale la pena intervenire per far perdere peso ai pazienti che lo necessitano, è una questione di salute.

Gli interventi di perdita di peso basati sul comportamento sono stati associati a una perdita di peso maggiore e gli interventi di mantenimento della perdita di peso basati sul comportamento sono stati associati a un recupero di peso inferiore rispetto alle condizioni di controllo da 12 a 18 mesi. Il grado di perdita di peso nella revisione attuale è leggermente inferiore ma coerente con la revisione del 2011 su questo argomento.

Sebbene affrontati in un minor numero di studi, gli interventi di mantenimento della perdita di peso o di perdita di peso che durano fino a 36 mesi hanno riportato una perdita di peso significativamente maggiore nei partecipanti all'intervento rispetto ai partecipanti al controllo. Le stime di perdita di peso erano coerenti e precise nel tempo; tuttavia, le analisi aggregate hanno mostrato una considerevole eterogeneità statistica, che riflette l'eterogeneità nei gruppi di intervento e le differenze nelle popolazioni, nelle impostazioni e nei disegni.

Utilizzando varie modalità di erogazione dell'intervento (di gruppo, individuale, misto, basato sulla tecnologia e basato sulla stampa), le sperimentazioni sono state generalmente progettate per aiutare i partecipanti a raggiungere o mantenere una perdita di peso del 5% o superiore attraverso una combinazione di cambiamenti nella dieta e aumento dell'attività fisica.

La perdita intenzionale di peso tra gli individui obesi può portare ad una lieve diminuzione del rischio di mortalità, sebbene la letteratura osservazionale sia in conflitto, specialmente per gli uomini e per le persone senza comorbilità legate all'obesità.

Nel contesto di prove sperimentali dirette sugli esiti di salute, l'evidenza osservazionale non suggerisce che la perdita intenzionale di peso tra coloro che sono in sovrappeso, specialmente quelli con BMI inferiore a 28, sia associata a diminuzione della mortalità. Gli individui sottoposti a chirurgia bariatrica presentano miglioramenti significativi nel diabete, apnee notturne, QOL, depressione, e dolore e funzione fisica, sebbene i dati su risultati a lungo termine come mortalità, malattia cardiovascolare e cancro sono ancora carenti.

La quantità di perdita di peso che si verifica con la chirurgia, tuttavia, è molto maggiore di quella che si può ottenere solitamente con interventi di perdita di peso basati sul comportamento e ci sono cambiamenti metabolici che si verificano dopo l'intervento chirurgico, indipendente dalla perdita di peso, che potrebbero contribuire ai miglioramenti nei risultati di salute dopo l'intervento.

Per approfondire
 

Autori: Erin S. LeBlanc, Carrie D. Patnode, Elizabeth M. Webber, et al.
Fonte: JAMA. 2018;320(11):1172-1191. doi:10.1001/jama.2018.7777
Link della fonte: https://jamanetwork.com/journals/jama/fullarticle/2702877