|

martedì 22 novembre 2016

L’ambiente di vita modella il sistema immunitario: sempre più evidenze lo confermano

Anche se tutti noi ereditiamo un unico set di geni che ci aiutano a rispondere alle infezioni, recenti studi hanno trovato che la nostra storia e l’ambiente – dove e con chi viviamo – sono responsabili dal 60% all’ 80% delle differenze tra i singoli sistemi immunitari, mentre la genetica rappresenta il resto.

LIFE STYLE
imm2

E’ stato necessario diverso tempo prima di riuscire a decifrare il codice genetico, e ora stiamo finalmente iniziando a decifrare il codice immunitario, allontanandoci dall’idea che ci sia un solo tipo di sistema immunitario; La diversità del sistema immunitario non è solo programmata nei nostri geni, ma deriva da come i geni rispondono all’ambiente.

Infezioni a lungo termine sono responsabili della maggior parte delle differenze tra i singoli sistemi immunitari. Ad esempio, quando una persona contrae l’herpes o herpes zoster, il virus ha maggiori possibilità di interagire con il sistema immunitario. Queste interazioni cambiano lentamente la composizione cellulare del sistema immunitario e lo rendono più sensibile a questo virus specifico.

L’eccezione è quando una persona è anziana. I ricercatori non hanno determinato esattamente il motivo per cui l’età gioca un ruolo importante nel rendere il nostro singolo sistema immunitario più unico, ma hanno dimostrato che i cambiamenti causati dall’invecchiamento determinano come il nostro sistema immunitario risponde alle minacce. Quando si invecchia, il timo riduce lentamente la produzione di cellule T che hanno il compito di combattere le infezioni. Senza nuove cellule T, le persone anziane hanno maggiori probabilità di ammalarsi e meno probabilità di rispondere ai vaccini.

Al di là di cellule T, l’invecchiamento sembra cambiare sostanzialmente il modo in cui il nostro sistema immunitario reagisce. “Molte malattie associate con l’invecchiamento hanno una componente infiammatoria, che suggerisce che ci sia il probabile coinvolgimento immunitario nello sviluppo delle malattie legate all’età”, dice Michelle Linterman, ricercatore presso l’Istituto Babraham. “Capire come i cambiamenti del sistema immunitario si verificano con l’età è estremamente importante per il trattamento delle malattie collegate all’età, in futuro”.

Il recente progetto di ricerca del Consiglio europeo della ricerca e dal Bioscience and Biotechnology Research Council ha dimostrato che la qualità dell’aria, il cibo, i modelli di sonno, i livelli di stress e scelte di vita, hanno avuto un forte effetto combinato sulle nostre risposte immunitarie.

Pneisystem incentra da anni il suo iter terapeutico sulla gestione dei sistemi dello stress e l’importanza dell’epigenetica. In particolare, la metodologia PneiSystem ha come mission la gestione e l’ottimizzazione della qualità di vita quale primario intervento nel mantenimento di  uno stato di salute ottimale, attraverso la divulgazione del concetto di terapia incentrata su 4 pilastri fondamentali:

- Ottimizzare le risorse psichiche attraverso l’apprendimento delle tecniche più moderne di gestione dello stress.

- Insegnare come compilare una dieta personalizzata in chiave antiossidante e antinfiammatoria

- Potenziare l’asse psico-immunologico attraverso il movimento, in particolare la danza (Pneisystem Equilibrium Dance)

- Saper selezionare i migliori integratori/ fitoterapici/nutraceutici/principi della low dose medicine e comporre un piano terapeutico centrato sulla persona.

Questi e non solo gli argomenti di partenza del prossimo Corso Base, il primo livello della formazione Pneisystem Academy, che si terrà a Milano il 25-26-27 Novembre 2016. Per ricevere informazioni e saperne di più potrete visitare il sito www.pnei4u.com o contattare la segreteria organizzativa, Dott.ssa Linda Spezzamonte, ai seguenti recapiti: tel. 327 6626977 e/o mail linda.spezzamonte@pnei4u.com.