|

martedý 19 giugno 2018

PNEI e psoriasi: promettente nuovo obiettivo per il trattamento

La PNEI, e la metodologia Pneisystem vede la salute della pelle spia di disturbi interconnessi alla salute della matrice connettivale oltre che una patologia strettamente legata alla psiche.

Ricerca Clinica e di Base
imm3Per questo motivo la metodologia Pneisystem segue una recente ricerca relativa ad una proteina nota per svolgere un ruolo significativo nello sviluppo della psoriasi, e che può essere inibita senza rappresentare un rischio per i pazienti, secondo gli scienziati del King’s College London.

Lo studio, che è stato sostenuto dall’Istituto Nazionale per la Ricerca Sanitaria presso il Centro di Ricerca Biomedica Guy’s e dalla St Thomas ‘NHS Foundation Trust e  King’s College London e pubblicato a maggio 2018  nella rivista Science Translational Medicine, ha confermato che un gruppo di proteine ​​infiammatorie chiamate IL-36 svolgono un ruolo significativo nello sviluppo della psoriasi e possono, in teoria, essere bloccate senza rappresentare un rischio per i pazienti.

La psoriasi colpisce più di 1,8 milioni solo nel Regno Unito. I risultati di questo studio, anche se ancora in fase iniziale, offrono la possibilità di sviluppare nuovi farmaci per affrontare questa condizione spesso debilitante.

Capon e il suo team hanno contattato il progetto Born in Bradford (BiB), un grande studio condotto dal Prof. John Wright presso il Royal Bradford che stava monitorando la salute di oltre 13.500 figli locali e i loro genitori.

Sappiamo che le mutazioni genetiche sono più comuni nelle comunità in cui la parentela è molto diffusa, e lo stidio ha infatti riscontrato 12 donne nella coorte BiB che erano portatrici di un difetto che bloccava naturalmente IL-36. Dopo una serie di test eseguiti dal Dr. Satveer Mahil presso l’Istituto di Dermatologia di San Giovanni, è stato possibile stabilire che la mancanza di attivazione di IL-36 non aveva avuto effetti negativi sulla loro salute e che  bloccare questa molecola non aveva effetti negativi sui pazienti con psoriasi.

La tecnologia medica che consente il blocco del gruppo di proteine infiammatorie IL-36 nei pazienti con psoriasi è già ampiamente disponibile.

 La ricerca attuale sta avendo un impatto positivo sull’efficacia clinica, una migliore comprensione sta fornendo migliori risultati del trattamento, migliorando in ultima analisi la vita di coloro che soffrono di psoriasi, e per i quali un approccio terapeutico integrato riveste trattamento d’elezione per la sua gestione e cura.

La PneiSystem Academy ha come mission la divulgazione del concetto di terapia incentrata su 4 pilastri fondamentali:
- Ottimizzare le risorse psichiche attraverso l’apprendimento delle tecniche più moderne di gestione dello stress.
- Insegnare come compilare una dieta personalizzata in chiave antiossidante e antinfiammatoria
- Potenziare l’asse psico-immunologico attraverso il movimento, in particolare la danza (Pneisystem Equilibrium Dance)
- Saper selezionare i migliori integratori/ fitoterapici/nutraceutici/principi della low dose medicine e comporre un piano terapeutico centrato sulla persona.
 
Per informazioni più dettagliati sulla metodologia Pneisystem, e sul Master in Pnei e Pneisystem, attraverso il quale il professionista medico e/o biologo nutrizionista può divenire un Pneisystem Expert, contatta l’Academy  al n. 3276626977, tramite mail all’ indirizzo info@pnei4u.com o visita il sito www.pnei4u.com