|

martedì 17 novembre 2020

La vitamina D fa la differenza

Importante l’indagine dello stato nutrizionale

Ricerca Clinica e di Base
Immagine provettaUna delle misure per valutare il peso dell’obesità sulla salute potrebbe essere quello di misurare la Vitamina D.

È quanto concluso da uno studio recente che ha confrontato le concentrazioni sieriche di 25 (OH) vit D nell'obesità metabolicamente sana (MHO) e nell'obesità metabolicamente malsana (MUHO) e ha approfondito la relazione con i parametri biochimici e clinici in entrambi i gruppi secondo il modello omeostatico di valutazione della resistenza all'insulina (HOMA-IR).

I ricercatori hanno arruolato 232 individui di entrambi i sessi con obesità (BMI ≥ 35 kg / m2).

I punti limite per la carenza e l'insufficienza di vitamina D erano rispettivamente ≤20 e 21-29 ng / mL. Gli individui sono stati classificati come MUHO secondo HOMA-IR≥2,5.

Il fenotipo MUHO è stato osservato nel 76,7% della popolazione. I valori medi di glucosio, insulina, HOMA-IR e trigliceridi erano significativamente più alti nel MUHO rispetto al gruppo del fenotipo MHO.

Il valore medio di 25 (OH)vit D ha mostrato una differenza significativa tra i gruppi MHO e MUHO (P = 0,011).

Un aumento di 1 ng / mL di vitamina D ha aumentato di 1.051 (95% CI = 1.011-1.093, P = 0.012) le probabilità di rientrare nel fenotipo sano.

In sintesi, è stata osservata la prevalenza di inadeguatezza delle concentrazioni sieriche di 25 (OH) D e una maggiore gravità di questa carenza negli individui con fenotipo MUHO. Basse concentrazioni sieriche di questa vitamina erano associate, principalmente, all'insulino-resistenza.

Il monitoraggio dello stato nutrizionale della vitamina D negli individui con obesità che presentano il fenotipo MUHO può contribuire a ridurre al minimo l'insorgenza e l'aggravamento di malattie associate all'obesità.
 

Author:A Cordeiro, B Campos, S E Pereira, C J Saboya, A Ramalho

Source:Diabetes Metab Syndr Obes. 2020 Nov 3;13:4131-4139. doi: 10.2147/DMSO.S256132.