|

martedì 17 luglio 2018

Microbiota: la chirurgia resetta il sistema nel grande obeso?

La realtà è meno semplice

NUTRIZIONE
imm2Il microbiota intestinale è considerato come uno dei contributori rilevanti coinvolti nelle complesse cause dell'obesità e dei relativi disturbi metabolici. In effetti, sono disponibili molte pubblicazioni che descrivono la composizione del microbiota in soggetti che soffrono di sovrappeso o obesità, diabete di tipo 2 e malattie cardiometaboliche. Al contrario, le caratteristiche del microbioma in forme estreme di obesità (cioè, indice di massa corporea grave e patologica> 35-40 kg / m2) sono state descritte a malapena.

La chirurgia bariatrica appare come una soluzione per ridurre i rischi cardiovascolari e il diabete, portando così a considerare questa procedura chirurgica come una "chirurgia metabolica".

È interessante notare che una delle caratteristiche chiave del microbioma che caratterizza l'obesità è la cosiddetta ricchezza microbica bassa, che è fortemente correlata con disordini metabolici quali infiammazione di basso grado, insulino-resistenza, dimensione degli adipociti ma anche possibilità di successo di rispondere all'intervento dietetico. Tuttavia, mancano dati esaurienti che esplorino l'impatto della chirurgia bariatrica sull'obesità grave e l'evoluzione del microbioma (cioè composizione, ricchezza genica e attività) in diversi momenti dopo l'intervento chirurgico.

Infatti, sebbene alcuni studi abbiano dimostrato cambiamenti nella composizione del microbiota intestinale dopo la chirurgia bariatrica, la maggior parte delle indagini sono state eseguite utilizzando tecniche diverse in una piccola coorte di soggetti e solo pochissimi di essi hanno utilizzato il sequenziamento completo del metagenoma.

Una delle scoperte interessanti è che circa il 75% dei soggetti con obesità grave mostra una bassa ricchezza genica microbica, che è molto più alta rispetto al sovrappeso o all’obesità moderata (cioè il 40% dei soggetti).

60 specie metagenomiche sono nuove rispetto alle 18 precedenti identificate durante l'obesità moderata.

L'analisi dei metaboliti ha poi portato all'identificazione di nove metaboliti sierici (es. Glutarato, ippurato, acido 3-metossifenilacetico e L-istidina). Al di là delle correlazioni specifiche, l'identificazione di questi metaboliti in realtà non indicava percorsi metabolici specifici o addirittura intuizioni meccanicistiche nel legame tra i microbi intestinali, obesità grave e l'insorgenza di disturbi metabolici.

La modulazione del microbioma intestinale dopo chirurgia bariatrica non ha seguito completamente il fenotipo. Infatti, nonostante una importante perdita di peso corporeo e un forte miglioramento di numerosi parametri metabolici, nei soggetti eletti per il by-pass gastrico le specie batteriche associate a una bassa ricchezza batterica (prima dell'intervento chirurgico) sono state modificate solo marginalmente dopo la chirurgia bariatrica e questo nonostante numerosi miglioramenti metabolici. Pertanto, questo suggerisce che altri meccanismi sono responsabili dei miglioramenti metabolici osservati dopo gli interventi chirurgici.

È anche interessante notare che in una coorte di conferma, i ricercatori hanno anche trovato un'assenza di restauro completo della ricchezza genica microbica anche 5 anni dopo l'intervento. Pertanto, questa osservazione sottolinea fortemente il fatto che la realtà è meno semplice di quanto immaginata.

Siamo ancora all'inizio di una nuova era che richiede ulteriori indagini. In effetti, resta da dimostrare se la bassa ricchezza genetica dei microbi e la metabolomica sono una causa o una conseguenza dell'obesità grave.

I fattori dello stile di vita (es. abitudini alimentari, attività fisica, farmaci) probabilmente spiegano gran parte della variabilità della composizione del microbioma.

Leggi l’articolo originale in full test


Autore: PD Cani
Fonte: Gut Published Online First: 10 July 2018. doi: 10.1136/gutjnl-2018-316815
Link della fonte. https://gut.bmj.com/content/early/2018/07/10/gutjnl-2018-316815.long