|

martedý 16 maggio 2017

Invecchiare in salute

Meno carboidrati, pi¨ proteine

NUTRIZIONE
imm1L’assunzione di cibi ad alto indice glicemico (GI) o una dieta ad alto carico glicemico (GL) può aumentare il rischio di infiammazione cronica, che è stato postulato come intermediario patogeno tra diete scorrette e alterazioni legate all'età nella composizione del corpo e nella resistenza all'insulina.

Uno studio condotto negli Stati Uniti ha valutato in doppio cieco gli effetti di un integratore di proteine ​​del siero di latte (PRO, n = 38) e di un supplemento di maltodestrina (CHO, n = 46) sulla densità ossea misurando l'impatto di un aumento calibrato del carico glicemico sull’infiammazione, l’insulino-resistenza e la composizione corporea in una popolazione sana di donne post-menopausa.

In questo studio ausiliario sono stati inclusi soggetti che hanno consumato almeno 20 g di proteine (gruppo proteico, PRO) o maltodestrina isocalorica (gruppo di carboidrati, CHO) per 18 mesi.

I marker di infiammazione, HOMA, composizione corporea e GI/GL (stimati da diari alimentari di 3 giorni) sono stati valutati al basale e a 18 mesi.

A 18 mesi, il GL nel gruppo CHO è aumentato del 34% e non è cambiato nel gruppo PRO.

Nonostante questo cambiamento, non esistono differenze nei markers serici di infiammazione CRP, IL-6 o di insulino-resistenza HOMA tra i due gruppi, né esistono associazioni significative tra GL e parametri infiammatori.

Tuttavia, la massa magra del tronco (p = 0,0375) e la massa magra totale (p = 0,038) erano più alte nel gruppo PRO rispetto al gruppo CHO a 18 mesi.

GL si associa alla variazione della massa grassa totale (r = 0,3 , P = 0,01), alla variazione del BMI (r = 0,3, p = 0,005) e alla variazione del rapporto massa magra/massa grassa (r = -0,3, p = 0,002).

I dati di questo studio suggeriscono che l'aggiunta di un supplemento con carico glicemico fisso alle diete di individui altrimenti ragionevolmente sani non ha influenzato i marcatori di infiammazione o resistenza all'insulina. Tuttavia, i parametri glicemici più elevati nelle donne sane e anziane sembrano avere effetti sfavorevoli sulla composizione corporea e pertanto, le diete con GI / GL inferiori che moderatamente superano la RDA per le proteine dovrebbero essere ulteriormente esplorate come un mezzo per aiutare a preservare la massa muscolare e ridurre la massa grassa per un invecchiamento in salute.

Leggi l’articolo originale in full text
 

Autori: Stojkovic V, Simpson CA, Sullivan RR, Cusano AM, Kerstetter JE, Kenny AM, Insogna KL, Bihuniak JD
Fonte: Nutrients.2017 May 11;9(5). pii: E484. doi: 10.3390/nu9050484.
Link della fonte: http://www.mdpi.com/2072-6643/9/5/484



DS Medica propone Proteonorm, l’integratore a base di proteine del siero di latte di altissima qualità, equilibrate secondo le percentuali fisiologiche aminoacidiche e arricchite da Inosito­lo, Potassio, L-Citrullina, L-Ornitina, L-Carnitina, L-Cistina, Magnesio e Niacina.
Proteonorm è venduto in esclusiva ai nutrizionisti e ai loro pazienti su ricetta del nutrizionista.
E’ disponibile anche come Proteonorm Mousse, un dolce al cucchiaio proteico che spezza la fame e soddisfa il palato.
 
Proteonorm, nell’ambito del protocollo Dieta Combinata, aiuta a perdere peso e migliora la compliance dei pazienti.
 
Avete già utilizzato la piattaforma Dieta Combinata? Cliccando qui si può accedere gratuitamente alla piattaforma ed iniziare a compilare piani personalizzati.