|

martedý 14 luglio 2020

Digiuno intermittente non buono per i diabetici

Troppi i rischi di fluttuazioni della glicemia

PATOLOGIA
Immagine orologio"I pazienti con diabete di tipo 2 dovrebbero considerare attentamente il digiuno intermittente" e "non intraprenderlo senza il coinvolgimento del proprio medico", sottolineano gli autori di un nuovo punto di vista pubblicato online il 2 luglio su JAMA.

Questo perché il digiuno intermittente in pazienti con diabete di tipo 2 è stato studiato solo in sette piccoli studi pubblicati su regimi molto diversi, con prove limitate di beneficio. Inoltre, da questi studi sono sorte alcune preoccupazioni.

La perdita di peso con il digiuno intermittente sembra essere simile a quella ottenuta con una restrizione calorica, ma nel caso dei diabetici non è stato stabilito il modo migliore per regolare i medicinali ipoglicemizzanti per ridurre il rischio di ipoglicemia mentre si pratica il digiuno intermittente, e esiste la possibilità che tale digiuno causi variabilità glicemica.

Si può verificare bassa pressione sanguigna, debolezza, mal di testa e vertigini, ma "il grande problema" è l'ipoglicemia, quindi la restrizione calorica può essere una scelta migliore per alcuni pazienti con diabete.

Il regime più popolare che provoca una certa perdita di peso è il digiuno di 24 ore - con o senza un pasto di 500 calorie - in due giorni non consecutivi alla settimana, la cosiddetta dieta 5: 2.

I pazienti che hanno già il diabete e perdono peso traggono beneficio dal miglioramento dei livelli di glucosio, pressione arteriosa e lipidi.

I regimi di digiuno intermittente negli studi includevano cinque frequenze di digiuno e la maggior parte delle durate di follow-up era di 4 mesi o meno, comprese 18-20 ore al giorno per 2 settimane; 2 giorni a settimana per 12 settimane (due studi) o per 12 mesi (uno studio); 3-4 giorni a settimana per 7-11 mesi; 4 giorni a settimana per 12 settimane; e 17 giorni in 4 mesi.

Tutti hanno riferito che il digiuno intermittente era legato alla perdita di peso e la maggior parte (ma non tutti) degli studi ha anche scoperto che era associato a diminuzioni di A1c (emoglobina glicata) e migliorava i livelli di glucosio, la qualità della vita e la pressione sanguigna, ma non l'insulino-resistenza.

Ma questa "eterogeneità di disegni e regimi e la varianza dei risultati rendono difficile tracciare una direzione clinicamente significativa" osservano Horne e colleghi, autori dello studio.

Solo uno studio ha confrontato esplicitamente il digiuno intermittente con la restrizione calorica, e la sua scoperta, "che un regime di digiuno intermittente bisettimanale ha migliorato i livelli [A1c]” è promettente.

Tuttavia, quello studio ha mostrato solo una non inferiorità per la variazione del livello di A1c (–0,3% per il digiuno intermittente vs -0,5% per la restrizione calorica).

La principale implicazione, secondo gli autori, è che "il digiuno intermittente può essere meno sicuro della restrizione calorica sebbene approssimativamente efficacemente equivalente".

Il digiuno intermittente può anche portare a fluttuazioni più ampie del controllo glicemico rispetto alla semplice restrizione calorica, con ipoglicemia durante i tempi di digiuno e iperglicemia durante i tempi di alimentazione, che non si riflettono nei livelli di A1c.

Gli studi hanno sollevato la preoccupazione che la variabilità glicemica porti a complicanze sia microvascolari (ad es. Retinopatia) che macrovascolari (ad es. Malattia coronarica) in pazienti con diabete di tipo 2.
 

Autori: Benjamin D. Horne, Martin M. Grajower, Jeffrey L. Anderson
Fonte: Clin Nutr. JAMA. Published online July 2, 2020. doi:10.1001/jama.2020.3908
Link della fonte: https://jamanetwork.com/journals/jama/fullarticle/2768095