|

martedý 9 maggio 2017

Taglio delle calorie costante o digiuno a giorni alterni?

Stessa perdita di peso

NUTRIZIONE
imm4In uno studio randomizzato con 100 adulti obesi, la perdita di peso a 6 mesi e peso + marcatori cardiovascolari a 12 mesi erano simili con un regime di digiuno alternato o con un regime ipocalorico.

Le persone in ciascuno di questi due gruppi di intervento hanno perso circa il 5% di peso in 12 mesi rispetto a quelli di un gruppo di controllo non di intervento.

Tuttavia, il tasso di abbandono era più elevato nel gruppo di digiuno-alternato (38%) rispetto al gruppo con dieta ipocalorica (29%) o controllo (26%).

Si tratta del più grande studio di digiuno intermittente. I risultati sono stati comparabili a quelli di una dieta ipocalorica continua, benché le persone del gruppo di digiuno abbiano mangiato più di quanto previsto nei giorni di digiuno e meno nei giorni liberi, mentre le persone del gruppo di restrizione giornaliera di calorie erano più conformi al loro regime prescritto.

I ricercatori hanno iniziato a studiare l'effetto del digiuno intermittente sulla perdita di peso circa 10 anni fa e hanno pubblicato i dati provenienti da diversi studi clinici.

Nel 2011, un altro gruppo di ricercatori ha seguito 107 donne in premenopausa in uno studio controllato randomizzato che ha confrontato il digiuno intermittente (2 giorni alla settimana) o la restrizione continua di calorie per 6 mesi e ha riportato una perdita di peso simile e un miglioramento dei marker di rischio cardiovascolare in entrambi i gruppi (Int J Obes, 2011; 35: 714-727).

Durante la fase di perdita di peso, i partecipanti al gruppo di digiuno alternato hanno consumato il 25% delle calorie basali (circa 500 calorie) ad un pasto (pranzo) nel giorno di digiuno e hanno consumato il 125% delle loro consuete calorie divise tra tre pasti nel giorno successivo. Il modello alternato è stato ripetuto per 6 mesi.

Le persone del gruppo a restrizione calorica sono state istruite a consumare ogni giorno il 25% in meno di calorie per 6 mesi.

Per i primi 3 mesi, i partecipanti ai due gruppi di intervento sono stati riforniti settimanalmente del cibo che dovevano consumare, per promuovere l'adesione al programma e aiutarli a vedere i tipi e le quantità di alimenti permessi. Si sono incontrati con un nutrizionista settimanalmente nei mesi 4-6 e mensilmente nei mesi da 6 a 12 (la fase di mantenimento).

Durante la fase di mantenimento, le persone del gruppo di restrizione giornaliera di calorie sono tornate a consumare il 100% delle calorie che assumevano al basale, mentre quelle dell'altro gruppo di intervento sono state istruite ad assumere il 50% e il 150% delle loro calorie basali a giorni alterni.

A 6 mesi i partecipanti a entrambi i gruppi di intervento hanno perso il 6,8% in più rispetto a quelli del gruppo di controllo. A 12 mesi i partecipanti al gruppo di digiuno alternato e al gruppo con dieta ipocalorica hanno perso rispettivamente il 6% e il 5,3% in più rispetto ai partecipanti al gruppo di controllo.

Non esistono differenze significative nella frequenza cardiaca, trigliceridi, glucosio a digiuno, insulina a digiuno, resistenza all'insulina, proteina C reattiva o omocisteina tra i due gruppi di intervento a 6 mesi e 12 mesi.

Molti partecipanti al gruppo di digiuno avevano difficoltà ad aderire alla giornata di digiuno a 500 calorie e hanno trasformato la loro dieta in una dieta quotidiana "di fatto" in dieta ipocalorica durante la fase di avanzamento dello studio, mentre altri semplicemente si sono ritirati dallo studio.

Considerati insieme, questi risultati suggeriscono che il digiuno giornaliero può essere meno sostenibile a lungo termine, rispetto alla restrizione quotidiana di calorie, per la maggioranza degli individui obesi. Poiché molti partecipanti avevano livelli normali di colesterolo e pressione sanguigna all'ingresso dello studio, non sorprende che i marcatori a rischio cardiovascolare non siano cambiati in risposta alla dieta.


Autori: John F. Trepanowski,  Cynthia M. Kroeger, Adrienne Barnosky  et al
Fonte: JAMA Intern Med. Published online May 1, 2107.
Link della fonte http://jamanetwork.com/journals/jamainternalmedicine/fullarticle/2623528


Dietosystem, da sempre a fianco dei nutrizionisti italiani, ha appena rilasciato una nuova versione della Suite Nutrizionale, il software che fa da cassetta degli attrezzi per il professionista della nutrizione.
Scopri qui cosa c’è di nuovo nell’aggiornamento 15.0!!