|

martedì 6 giugno 2017

Ortoressia: quando l'alimentazione "salutare" diventa pericolosa

Un disturbo alimentare difficile...

SALUTE PSICOLOGICA
imm3Oggi la crescente attenzione alla forma fisica e alla "vita pulita" può portare ad un aumento dei casi di una condizione nota come ortoressia nervosa, definita come una "ossessione patologica verso una nutrizione adeguata", con esclusione rigorosa di alimenti ritenuti malsani o impuri, che possono avere gravi conseguenze nutrizionali e mediche.
A differenza dell'anoressia nervosa, l'immagine del corpo di solito non è un focus per i pazienti con questa condizione - che non è attualmente riconosciuta nel Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, quinta edizione (DSM-5).
L’occasione per parlarne deriva da un caso clinico presentato al meeting annuale della Associazione Psichiatrica Americana (APA).
Un uomo di 54 anni si è presentato al pronto soccorso dopo un tre giorni di assunzione di sola acqua, un regime che ha seguito a causa di una fede nella "salute, erbe e nella dieta super-sana. " Il paziente era in acidosi metabolica per aumento degli anioni, con nausea grave.
Anche se il termine "ortoressa nervosa" è apparso per la prima volta in letteratura nel 1997, i suoi sintomi principali sono documentati da molto più tempo. Durante il Medio Evo, il digiuno fu impiegato come modo per ottenere la purezza spirituale, e durante il Rinascimento, le "cameriere miracolose" (donne cattoliche) si diceva avessero abilità insolite a morire di fame!
 
Oggi siamo tutti informati sull’ultima dieta alimentare, sugli avvertimenti su alcuni cibi e prodotti e su una serie di linee guida in continua evoluzione per  vivere una vita più sana. In questo complesso ambiente culturale, molti individui hanno difficoltà a non preoccuparsi delle loro abitudini alimentari e spesso “esagerano”, tanto che se la moda delle pillole per dimagrire è in declino, sono state sostituite dal movimento di "mangiare pulito" e praticare uno stile di vita olistico.
I cibi senza zuccheri, i cibi senza glutine, non OGM, non trattati... le aziende stanno aggiungendo nuove linee di prodotti per appoggiare questa ideologia (le vendite di alimenti biologici sono raddoppiate tra il 1994 e il 2014).
Un'attenzione ossessiva su tutto questo può portare ad ortoressia nervosa, caratterizzata da una dieta restrittiva e da rituali particolari.
In poche parole, l'ortoressia è una fissazione sulla qualità del cibo rispetto alla quantità.
La condizione probabilmente si inserisce tra l'anoressia nervosa e il disturbo restrittivo dell'approvvigionamento alimentare (ARFID), che sono entrambi attualmente nel DSM-5. Tuttavia, ARFID non affronta la complessità delle motivazioni e dei comportamenti dei pazienti con sintomi di ortoressia e ne rende difficile la diagnosi.
La condizione si sovrappone anche con il disturbo ossessivo compulsivo e i disturbi psicosomatici.
 
Altri casi: una signora buddista bianca di 72 anni che presentava estrema perdita di peso. "Hai paura di mangiare perché non sai cosa ti farà", ha detto la paziente in un video clip. "Alla fine avevo paura di fare qualcosa, quindi non ho fatto niente".
La paziente aveva credenze insolite sul mangiare e cominciò ad eliminare certi cibi quando aveva vent'anni. Negli anni successivi, si è incontrata con uno specialista di medicina olistica, che ha diagnosticato numerose allergie alimentari e ha raccomandato di aumentare l’utilizzo di integratori alimentari e di seguire la dieta paleo. Ha cominciato a mangiare una grande varietà di cibi, compresi quelli che una volta pensava le avrebbero fatto del male.
 
Un altro caso, quello di una donna nera negli anni '30 gravemente sottopeso, ipocalemica e disidratata. Dopo una valutazione psichiatrica, le è stata prescritta olanzapina una volta al giorno 5 mg e lorazepam 0,5 mg tre volte al giorno ed è stata ricoverata.
Durante i primi trattamenti, voleva solo l'acqua di cocco perché credeva di avere parassiti nel suo intestino. In precedenza le era stata diagnosticata una "sindrome dell'intestino lasso" da un medico naturopata. E’ stata avviata la nutrizione parenterale totale per mantenere la sua salute.
I sintomi psicotici comprendevano la paranoia riguardo al fatto che il suo cibo fosse stato contaminato, la paura del maltrattamento da parte del personale, la realizzazione di diversi riti riguardanti il ​​mangiare e la preparazione degli alimenti.
Olanzapina è stata sostituita da aloperidolo e poco dopo la paziente ha cominciato a mangiare di più fino a consumare pasti completi. Alla dimissione, la paziente ha dichiarato che “intende tornare alla cura di un naturopata non appena ha abbastanza soldi".
Insomma, la valutazione psicometrica dei pazienti è uno step anamnestico molto importante.
 
Se volete approfondire questa materia, vi consigliamo un manuale sui disturbi alimentari in cui si parla di cura ma anche di prevenzione, differenziando nettamente le due aree di intervento che debbono avere percorsi diversi. Si parla di Disturbi dell'Alimentazione ma anche di Obesità, perché esistono importanti ed evidenti aree di sovrapposizione e intersezione, fattori di rischio condivisi e frequenti migrazioni transdiagnostiche, in tempi diversi della vita, dall'uno all'altro quadro clinico. E se ne parla al plurale, tenuto conto della grande molteplicità delle espressioni fenotipiche di queste patologie. 
Il manuale è disponibile sia in versione cartacea che come ebook.
 
Clicca qui per saperne di più. (sito Sisdca)
 


Autori:. Deborah Brauser
Fonte: APA 2017 Annual Meeting. Abstract poster P4-106, presentato il 21 maggio 2017
Link della fonte: http://www.medscape.com/viewarticle/880916?nlid=115422_4562&src=wnl_dne_170601_mscpedit&uac=144674SN&impID=1359092&faf=1#vp_1