|

martedì 6 marzo 2018

Con la Dieta DASH si torna a sorridere

La famosa dieta nata contro l’ipertensione ha benefici anche sulla depressione

NUTRIZIONE
imm3I partecipanti che aderiscono più strettamente alla dieta a basso contenuto di sodio contro l’ipertensione (DASH) hanno dimostrato l'11% in meno di probabilità di diventare depressi nel tempo rispetto a quelli che non la seguivano. Sono i risultati di uno studio americano condotto dai neurologi di Chicago, che enfatizzano l’importanza della DASH, oltre sulle malattie cardiovascolari, anche sull’umore.

La depressione in tarda età è un "problema importante", non solo per i pazienti che invecchiano normalmente ma anche per quelli con problemi cognitivi e quelli che hanno avuto un ictus.

L'analisi ha incluso 964 partecipanti al Progetto Memoria e Invecchiamento (MAP), una coorte di cittadini di Chicago di età pari o superiore a 60 anni che sono seguiti ogni anno e valutati nel tempo per lo sviluppo della malattia di Alzheimer. Oltre ad avere regolari valutazioni cognitive, i partecipanti al MAP vengono sottoposti a screening per la depressione usando la versione a 10 item del Center for Epidemiology Studies-Depression scale.

Completano anche un questionario di frequenza alimentare di 144 voci.

Sulla base di questo apporto spontaneo, i ricercatori hanno poi osservato quanto i partecipanti aderissero alla dieta DASH. Oltre a enfatizzare il basso contenuto di sodio, questa dieta incoraggia il consumo di cibi ricchi di sostanze nutritive, come il potassio, il calcio e il magnesio, che aiutano a ridurre la pressione sanguigna. Il punteggio DASH va da 0 a 10, con più punti assegnati a chi assume cibi più sani ogni giorno.

I ricercatori hanno diviso i partecipanti in terzili in base ai loro punteggi.

L'età media dei partecipanti allo studio era di 81,32 anni, una popolazione ad alto rischio di depressione.

I partecipanti sono stati seguiti per una media di 6,53 anni.

L'analisi ha mostrato che i partecipanti che erano più aderenti alla dieta DASH avevano meno probabilità di diventare depressi. Quelli del secondo e terzo terzile della dieta DASH avevano infatti tassi di depressione più bassi nel tempo rispetto a quelli del primo terzile.

I sintomi della depressione possono andare e venire, ma poiché la depressione è stata valutata ogni anno, e non solo una volta, lo studio ha meno probabilità di aver catturato un episodio di depressione per caso.

Oltre all’aderenza alla dieta DASH, i ricercatori hanno anche esaminato la dieta mediterranea (con pesce, frutta e verdura, con l'olio d'oliva come principale fonte di grassi) e la dieta MIND (Mediterranean DASH Intervention for Neurodegenerative Delay), una sorta di ibrido di queste due diete, che enfatizza anche cibi salutari, come verdure a foglia verde, bacche con antiossidanti e olio d'oliva.

In studi precedenti, sia la dieta mediterranea che la MIND proteggevano la cognizione e recenti ricerche hanno suggerito che la dieta mediterranea può migliorare la salute mentale nei pazienti depressi (ad esempio, lo studio SMIILES e lo studio HELFIMED).

Lo studio di Chicago non ha trovato un'associazione statisticamente significativa tra depressione e dieta mediterranea o MIND. Non è chiaro il motivo per cui queste altre diete sane non hanno avuto un effetto significativo sulla depressione, ma probabilmente la DASH era quella più seguita e quindi uno studio più ampio potrebbe scoprire che anche loro influenzano l'umore.

In fondo, comunque,  tutte e tre le diete - DASH, Mediterraneo e MIND - sono sostanzialmente migliori per le persone rispetto alla tipica dieta occidentale!

Lo studio sarà presentato il 23 aprile alla prossima riunione annuale dell'American Academy of Neurology (AAN) 2018 a Los Angeles, in California.
 

Fonte: Medscape
Link della fonte: https://www.medscape.com/viewarticle/893222?nlid=121009_4562&src=wnl_dne_180301_mscpedit&uac=144674SN&impID=1571194&faf=1