|

martedì 5 novembre 2019

Dieta chetogenica e microbiota intestinale: amici o nemici?

Nell’epilessia, la chetogenica funziona, e cambia il microbiota!

NUTRIZIONE
imm3Studi recenti hanno dimostrato una stretta relazione tra epilessia e microbioma intestinale. Inoltre, il microbioma intestinale può essere un meccanismo per prevenire le convulsioni trattate con una dieta chetogenica. Vi è quindi un grande potenziale nell'ottimizzare la dieta chetogenica per promuovere alcuni microrganismi come trattamento neuroprotettivo dell'epilessia farmacoresistente. 

Tuttavia, molte domande devono ancora avere una risposta completa, incluso il particolare meccanismo con cui la microflora intestinale influenza l'insorgenza dell'epilessia e le possibili applicazioni cliniche di scoperte correlate alla funzione della microflora intestinale nel trattamento dell'epilessia della dieta chetogenica. La disbiosi può essere coinvolta nel meccanismo dell’epilessia resistente ai farmaci e il ripristino dei microbi intestinali può essere un nuovo metodo terapeutico. 

In effetti le persone con epilessia resistente ai farmaci mostrano una microflora intestinale alterata.

L'effetto antiepilettico della dieta chetogenica potrebbe essere attribuito ai microbi intestinali?

I meccanismi con cui la dieta chetogenica esercita un effetto anticonvulsivante sono probabilmente numerosi e possono variare nei diversi tipi di epilessia. 

Una ricerca sulle proprietà anticonvulsivanti dipendenti dal microbiota intestinale della dieta chetogenica ha utilizzato due modelli murini di epilessia refrattaria, dimostrando la relazione tra la dieta chetogenica e microbiota intestinale per ottenere un effetto terapeutico. La dieta aumenta significativamente l'abbondanza relativa di Akkermansia muciniphila, Parabacteroides merdae, Sutterella ed Erysipelotrichaceae , mentre Allobaculum, Bifidobacterium e Desulfovibrio erano più bassi nei topi alimentati con la dieta chetogenica rispetto ai topi alimentati con la dieta di controllo.

Akkermansia muciniphila eParabacteroides merdae hanno dimostrato di essere entrambi necessari per ottenere l'effetto antiepilettico di una dieta chetogenica. La combinazione di questi due taxa batterici ha ripristinato la protezione contro le convulsioni nei topi trattati con antibiotici dopo la somministrazione della dieta chetogenica. Al contrario, la colonizzazione con Akkermansia muciniphila o Parabacteroides distasonis singolarmente non ha protetto contro le convulsioni e non si è verificato un aumento significativo della soglia convulsiva. Allo stesso modo, la colonizzazione di Akkermansia muciniphila e Parabacteroides insieme è risultata protettiva contro le convulsioni nei topi privi di microbi alimentati con una dieta chetogenica.

Confrontando i topi protetti contro le convulsioni e inclini ad attacchi (dieta, colonizzazione batterica o trattamento antibiotico), la maggior parte dei metaboliti che differenziano questi gruppi erano associati al metabolismo degli aminoacidi, tra cui lisina, tirosina e derivati ​​della treonina. Inoltre, si è verificato un comune declino nei sottogruppi chetogenici di aminoacidi γ-glutamilati sia nell'intestino che nel sangue nei topi protetti dalle convulsioni rispetto ai topi soggetti a crisi. 

È importante sottolineare che gli aminoacidi periferici sono usati come substrati per la sintesi dell'acido γ-aminobutirrico (GABA), un neurotrasmettitore inibitorio. Il livello di GABA nell'ippocampo era più elevato rispetto al glutammato, un neurotrasmettitore stimolante, nei topi alimentati con la dieta chetogenica rispetto ai topi alimentati con la dieta di controllo. Questi aumenti sono stati aboliti nei topi trattati con antibiotici nutriti con una dieta chetogenica e ripristinati dopo aver colonizzato questi topi con Akkermansia muciniphila e Parabacteroides distasonis.

Anche gli studi sull'uomo hanno dimostrato cambiamenti nella microflora intestinale dopo una dieta chetogenica, ma i cambiamenti batterici variavano a seconda del report. Uno studio dell'effetto della dieta chetogenica sui bambini con epilessia farmacoresistente ha dimostrato una diminuzione della diversità della microflora intestinale dopo 1 settimana, insieme a una diminuzione dei proteobatteri e un aumento dei batterioideti. A livello di genere, è stata osservata una diminuzione di Cronobacter insieme ad aumenti di Bifidobacterium , Bacteroides e Prevotella

In un altro studio, i profili di microflora fecale nei bambini con epilessia refrattaria hanno osservato una ridotta diversità, con livelli ridotti di Firmicutes e Actinobacteria e livelli elevati di Bacteroidetes dopo 6 mesi di trattamento con dieta chetogenica. I partecipanti a questo studio hanno mostrato risposte diverse alla riduzione delle crisi epilettiche e coloro che non hanno risposto al trattamento avevano livelli elevati di Alistipes , Clostridiales , Lachnospiraceae , Ruminococcaceae e Rikenellaceae rispetto a coloro che hanno risposto positivamente al trattamento. Ciò suggerisce che la dieta chetogenica possa avere un'efficacia variabile nel cambiare la composizione della microflora intestinale e che la microflora specifica può fornire sia possibili bersagli terapeutici sia biomarcatori per l'efficacia della terapia nelle persone con epilessia refrattaria. 

Le osservazioni che la dieta chetogenica può modulare e trasformare la microflora intestinale creano una base potenziale e promettente per la futura terapia dietetica. La dieta chetogenica ha dimostrato di essere uno strumento potente e richiede ulteriore raffinamento e una buona formulazione, dato il suo effetto sulla salute intestinale. 

Ad oggi, i risultati dell'uso della dieta chetogenica come farmaco ottenuto nel trattamento dell'epilessia farmacoresistente sembrano essere particolarmente interessanti in relazione alla riduzione della frequenza delle crisi epilettiche e al miglioramento della funzione cognitiva. I pochi studi sull'uomo disponibili fino ad oggi si basano su un progetto pre / post, ma senza un autentico gruppo di controllo di riferimento e randomizzazione. 

Negli ultimi anni, la reputazione della dieta chetogenica in termini di effetti terapeutici sta chiaramente crescendo. La ricerca futura dovrebbe concentrarsi sulla corretta identificazione dei pazienti. Un'ulteriore valutazione delle specificità dei meccanismi può contribuire alla sostituzione di un trattamento rigoroso con dieta chetogenica con integratori alimentari come probiotici e / o prebiotici  per un effetto terapeutico a lungo termine, che può essere continuato anche dopo che la dieta è stata terminata proprio attraverso integratori alimentari focalizzati alla salute del microbiota.
 

Autori: Ułamek-Kozioł M, Czuczwar SJ, Januszewski S, Pluta R.
Fonte:  Nutrients. 2019 Oct 18;11(10). pii: E2510. doi: 10.3390/nu11102510.
Link della fonte: https://www.mdpi.com/2072-6643/11/10/2510/htm