|

mercoledì 2 maggio 2018

La chetogenica previene l’ICTUS?

Nei topi, migliora la resistenza del cervello alle ischemie

Ricerca Clinica e di Base
imm3Gli effetti neuroprotettivi delle diete chetogeniche sono conosciuti e sono stati confermati anche nei modelli sperimentali di ictus.

 L'inflammasoma NLRP3 (nucleotide-binding domain NOD-like receptor protein 3) è stato implicato nella patogenesi dell'ictus.

Quali sono i potenziali meccanismi molecolari che legherebbero la dieta chetogenica con l’inflammasoma?  Un gruppo di ricercatori cinesi ha condotto uno studio in vivo su topi nutriti con dieta chetogenica per 3 settimane e poi sottoposti a occlusione / riperfusione dell'arteria cerebrale media a mimare un attacco ischemico.

Parallelamente, hanno condotto uno studio in vitro in cui le cellule SH-SY-5Y sono state trattate con β-idrossibutirrato (BHB) seguito da deprivazione / riossigenazione di ossigeno-glucosio (OGD / R). Sono stati valutati l'attivazione dell'inflammasoma NLRP3 e i relativi meccanismi di regolazione.

I topi alimentati con KD hanno aumentato la tolleranza a occlusione/riperfusione. KD ha inibito lo stress del reticolo endoplasmatico (ER) e l'attivazione dell'inflammasoma TXNIP / NLRP3 è risultata soppressa nel cervello.

Lo studio in vitro ha mostrato che BHB (10 mM) ha impedito la traslocazione mitocondriale della proteina 1 legata alla dinamina (Drp1) per inibire la fissione mitocondriale. Inoltre, BHB ha ridotto la generazione di specie reattive dell'ossigeno (ROS), inibito la via ROS-NLRP3 nelle cellule trattate con OGD / R e ha inibito l'attivazione dell'inflammasoma NLRP3 indotta dallo stress.

I ricercatori concludono che la dieta chetogenica può sopprimere lo stress del reticolo endoplasmatico  e proteggere l'integrità mitocondriale sopprimendo la traslocazione mitocondriale di Drp1 per inibire l'attivazione dell'inflammasoma NLRP3, esercitando così effetti neuroprotettivi.

Tradotto in pratica: ci sono speranze per la potenziale applicazione della chetogenica nella prevenzione dell'ictus ischemico.

Leggi l’articolo originale in full text


Autori: Guo M, Wang X, Zhao Y, Yang Q, Ding H, Dong Q, Chen X, Cui M.
Fonte: Front Mol Neurosci. 2018 Mar 20;11:86. doi: 10.3389/fnmol.2018.00086. eCollection 2018.
Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5890101/
 
Dietosystem®, divisione nutrizionale di DS Medica, La informa che è in linea il nuovo aggiornamento della piattaforma web DIETA COMBINATA® con due importanti novità:
1. Il protocollo passa da 3 a 5 fasi
Il nostro progetto di dieta chetogenica si evolve alla luce della valutazione clinica effettuata su 500 pazienti trattati con la dieta chetogenica. 
Il protocollo passa da 3 a 5 fasi, aggiungendo due fasi di transizione finalizzate al progressivo consolidamento del calo ponderale e al miglior mantenimento della massa magra. Il protocollo DIETA COMBINATA®, dopo la fase d'attacco prevede una più controllata reintroduzione dei carboidrati, questo consentirà, per leggeri problemi di sovrappeso, di procedere come di consueto nel trattamento in tre fasi mentre, per sovrappeso importante e obesità, di gestire in un più ampio lasso di tempo il raggiungimento dell'obiettivo ponderale.

2. La nuova linea di alimenti PROTEOFOOD
Da oggi il sistema dietetico si arricchisce di una nuova linea di prodotti VLC (Very Low Carb), come sempre di esclusiva prescrizione del Nutrizionista. La linea di alimenti PROTEOFOOD unitamente alla linea di integratori alimentari e alla personalizzazione dietetica, garantisce, sin dalle fasi più restrittive del protocollo DIETA COMBINATA®, un riequilibrio metabolico nutrizionale con una maggiore compliance del paziente. 
Grazie alla formulazione nutrizionale ad elevato contenuto proteico e bassissimo apporto glucidico, la linea PROTEOFOOD offre una gamma di alimenti dolci e salati, da integrare nel protocollo DIETA COMBINATA®, garantendo il corretto equilibrio nutrizionale nell'ambito della dieta chetogenica.
L'utilizzo degli alimenti PROTEOFOOD è discrezionale per il Nutrizionista ma soddisfa una necessità del paziente che richiede il consumo di alimenti dolci e salati ai pasti principali o nella prima colazione.Gli alimenti della linea PROTEOFOOD garantiscono nelle diverse fasi del dimagrimento una completa riabilitazione del metabolismo al corretto utilizzo dei carboidrati.

Per saperne di più su Proteofood
Per saperne di più su Integro
 
Affidati a chi ha 40 anni di esperienza nel trattamento dei pazienti obesi.
Se nutrizionista, puoi acquistare direttamente on line dallo store. Clicca qui.