|

Ricerca Clinica e di Base

Scoperto l’enzima che fa aumentare di peso nella mezz’età

La protein chinasi DNA-dipendente la causa dell’aumento di peso e della ridotta capacità di effettuare esercizio fisico, tipici della mezza età.

10/05/2017

Un interessante lavoro condotto dai ricercatori dei National Health Institutes statunitensi ha individuato nell’enzima protein chinasi DNA-dipendente la causa dell’aumento di peso e della ridotta capacità di effettuare...

Anticorpi piu’ potenti per combattere il cancro e altre malattie

Gli anticorpi (immunoglobuline) sono la fanteria del nostro sistema immunitario. Queste proteine specializzate a forma di Y, hanno la funzione, nell’ambito del sistema immunitario, di neutralizzare corpi estranei come virus e batteri, riconoscendo ogni determinante antigenico o epitopo legato al corpo estraneo come un bersaglio.

09/05/2017

Ma non tutti gli anticorpi sono uguali. A causa delle sottili, ma importanti differenze nella struttura dei loro gruppi di zucchero, due anticorpi altrimenti identici che attaccano lo stesso invasore potrebbero non essere altrettanto bravi a...

Conosci gli AGE’s dei tuoi pazienti?

I prodotti di glicazione avanzata sono sintomo di invecchiamento

18/04/2017

Nell’invecchiamento della popolazione, il calo della funzione motoria, come ridotta velocità del cammino, lo scarso equilibrio e la perdita di forza muscolare sono fenomeni comunemente osservati. La maggior parte dei sistemi...

Interazioni tra antiossidanti e tumori: quale ruolo svolgono e in quali casi sono davvero raccomandati

Circa trent'anni fa il premio Nobel Linus Pauling avanzò la tesi, rimasta sempre molto controversa, che una significativa supplementazione nella dieta con vitamina C fosse in grado di prevenire il cancro. Successivamente, un gruppo di ricercatori della Johns Hopkins University è riuscito a dimostrare che, quanto meno nel topo, la vitamina C può in effetti inibire la crescita di alcuni tipi di tumore.

11/04/2017

L'idea più accreditata circa il possibile meccanismo di azione antitumorale delle molecole antiossidanti fa infatti riferimento alla capacità di queste sostanze di inattivare i radicali liberi e di prevenire quindi i danni che essi...

Quello che importa è il BMI massimo

Uno studio lo correla al rischio di mortalità

11/04/2017

Le persone in sovrappeso o obese anche in passato hanno un rischio maggiore di mortalità rispetto a coloro che hanno costantemente mantenuto un peso sano. Sono i risultati di una analisi molto ampia multicoorte statunitense in 225000 persone...

Il colesterolo alto innesca stress ossidativo mitocondriale che porta all’osteoartrite

Il colesterolo alto può danneggiare molto più del nostro sistema cardiovascolare. Una nuova ricerca che ha utilizzato modelli animali, pubblicata on-line in The FASEB Journal, suggerisce che livelli elevati di colesterolo innescano lo stress ossidativo mitocondriale nulle cellule della cartilagine, causando la loro morte e in ultima analisi, portando allo sviluppo dell’osteoartrite.

04/04/2017

Questa ricerca ha testato il potenziale ruolo terapeutico degli antiossidanti nell’osteoartrite colesterolo alto-indotta, ed è stata condotta utilizzando due diversi modelli animali che imitano l’ipercolesterolemia umana. Il primo...

Obesità osteosarcopenica: una dimensione emergente dell’invecchiamento

Rallentare l’invecchiamento si può!

28/03/2017

Recentemente stanno emergendo delle condizioni relative alla composizione corporea e all'invecchiamento, come l'obesità osteopenica, l’obesità sarcopenica, e l'obesità osteosarcopenica (triade di tessuti...

Effetti delle Proteine del siero di latte sul bilancio energetico

Cambiano l'assorbimento intestinale e il neuropeptide ipotalamico

28/03/2017

L'assunzione di proteine ​​del siero di latte (WPI) riduce l’aumento di peso corporeo e l'adiposità in una dieta ricca di grassi. Uno studio sui topolini ha approfondito i meccanismi molecolari alla base di questo...

Individuata una nuova strategia per ridurre il colesterolo cattivo LDL

In un documento pubblicato in Biochemical Pharmacology, i ricercatori della Saint Louis University hanno esaminato il modo in cui un recettore nucleare chiamato REV-ERB è coinvolto nella regolazione del metabolismo del colesterolo.

21/03/2017

I risultati dello studio suggeriscono che i farmaci che hanno come target questo recettore nucleare possono ridurre il colesterolo LDL (cattivo) in un modello animale. Il colesterolo è un componente essenziale della membrana cellulare....

Quanto infiamma un pasto grasso?

Una revisione sistematica

21/03/2017

I risultati della ricerca nel corso degli ultimi decenni hanno dimostrato che l'infiammazione è una caratteristica importante di molte malattie croniche, e una dieta poco sana costituisce uno stimolo infiammatorio probabile. Potrebbe...

Stress, cervello e sviluppo di future malattie cardiovascolari: uno studio ne evidenzia la correlazione

Uno studio condotto dal Massachusetts General Hospital (MGH) e Icahn School of Medicine at Mount Sinai (ISSMS), ha collegato per la prima volta negli esseri umani, l’attività di una struttura sensibile allo stress emotivo all’interno del cervello al rischio di successive malattie cardiovascolari. Le scoperte del team, in corso di pubblicazione sulla rivista The Lancet, rivelano anche un sentiero che conduce dalla attivazione di questa struttura ad una maggiore incidenza di eventi cardiovascolari.

14/03/2017

Mentre il legame tra lo stress emotivo e le malattie cardiache è stato da tempo stabilito, il meccanismo di mediazione tra stress e rischio di malattia cardiovascolare non è stato ancora compreso. Lo stress emotivo è...

Gli AGEs nella popolazione generale

Uno studio olandese

08/03/2017

I prodotti di glicazione avanzata (AGE) sono un gruppo eterogeneo di molecole che si formano durante le reazioni tra zuccheri e proteine. Si ritiene che gli AGE giochino un ruolo importante  in molte malattie, tra cui il diabete mellito, la...

Obesità e cancro

Dimagrire in salute

08/03/2017

Una nuova analisi pubblicata sul British Medical Journal sostiene l'associazione tra obesità e 11 tipi di cancro. Le evidenze sono forti. La conclusione dell’analisi, che proviene da un riesame delle revisioni sistematiche e...

Il sovrappeso colpisce la metilazione del dna

Questo è il risultato di uno studio internazionale su larga scala coordinato dall’Helmholtz Zentrum München, uno dei partner del Centro tedesco per la ricerca sul diabete, che ha studiato i pattern di metilazione, cioè la presenza o l’assenza di gruppi metilici sul DNA.

28/02/2017

Lo studio, che è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista Nature, dimostra che un alto indice di massa corporea porta a cambiamenti epigenetici in quasi 200 loci del genoma, con effetti sull’espressione genica. Mentre i nostri...

Il respiro delle cellule

Quando le cellule adipose respirano male

21/02/2017

Il tessuto adiposo in caso di obesità contribuisce all’infiammazione cronica di basso grado che predispone al diabete di tipo 2 e alle malattie cardiovascolari. Recenti studi in vitro suggeriscono che sia l'ipossia a indurre...

» Sfoglia Archivio