|

Troppa pubblicità in TV alimenta l’obesità

L’attuale prevalenza di obesità negli adolescenti potrebbe essere il risultato degli innumerevoli spot pubblicitari trasmessi in TV e visti ripetutamente nell’infanzia.

26/05/2015 LIFE STYLE

Un numero notevole di evidenze suggerisce che l'esposizione durante l’infanzia al martellante marketing alimentare promuove abitudini alimentari che contribuiscono all'obesità nell’età più avanzata. Come si evince...

Cervello grasso e omega 3.

Il cervello è l’organo più grasso del corpo umano.

26/05/2015 Ricerca Clinica e di Base

Ovviamente la cosiddetta “materia bianca” è, per definizione, composta in maggioranza da lipidi, ma anche la cosiddetta “materia grigia” presenta una notevole quantità di grassi: oltre il 35% dei corpi dei...

Roma 5 giugno: due appuntamenti da non perdere

Convegno “La biodiversità dell’olio d’oliva in una prospettiva traslazionale" e corso teorico-pratico “I LARN, Livelli di Assunzione di Riferimento di Nutrienti ed energia per la popolazione italiana – IV REVISIONE”

26/05/2015 NUTRIZIONE

A pochi giorni dalla Giornata mondiale della Biodiversità, quest’anno alla sua XV edizione celebrata a Milano il 22 maggio in occasione dell’EXPO, nella quale è stata rinnovata l’importanza di tutelare la...

Obesità infantile: l’ambiente fa la differenza

L’aumento del sovrappeso e dell'obesità infantile può essere spiegato con il repentino cambiamento dell’ambiente circostante il bambino e la sua famiglia.

19/05/2015 OBESITÀ INFANTILE

Questo è quanto si evidenzia in uno studio condotto da ricercatori della Maastricht University (The Netherlands). Ad oggi la teoria, come gli studi basati sui dati, hanno esplorato le associazioni trasversali tra le caratteristiche del...

Pneisystem e ambiente: campi magnetici naturali e artificiali (2/2)

Le interazioni dei campi elettromagnetici con i sistemi biologici assumono diversa configurazione a seconda della frequenza, intensità e tempo di esposizione e, conseguentemente, ogni tipo di radiazione può dar luogo ad effetti diversificati.

19/05/2015 LIFE STYLE

Gli effetti termici per i campi a radiofrequenza e microonde, originati principalmente dai sistemi di radiotelecomunicazione, sembrano produrre effetti cancerogeni (melanoma), come nel caso della radiazione ultravioletta derivata da lunghe...

Fruttosio nel mirino

Il consumo di fruttosio è drammaticamente aumentato negli ultimi 30 anni. Gli effetti del consumo eccessivo di fruttosio sulla salute, però, sono ancora quasi sconosciuti.

19/05/2015 NUTRIZIONE

Le concentrazioni più elevate di fruttosio si trovano nello sciroppo di mais, nelle bibite e negli alimenti trasformati. Il fruttosio è stato implicato come causa in diverse complicanze correlate all'obesità e alla sindrome...

Pneisystem e ambiente: campi magnetici naturali e artificiali (1/2)

I campi magnetici naturali, i campi elettromagnetici e, soprattutto, le loro interferenze in corrispondenza delle camere da letto, vengono considerati particolarmente dannosi ed amplificano i propri effetti negativi se, sulla perpendicolare, è presente un corso d’acqua naturale o un’anomalia geologica (gas naturale, faglie, ecc.).

12/05/2015 LIFE STYLE

Con il termine di elettrosensibilità o sensibilità elettromagnetica, si indica un fenomeno per cui alcuni individui, più di altri, accusano alterazioni dello stato fisico e psichico derivanti principalmente da esposizione...

Benefici per i pendolari attivi

Il pendolarismo attivo è associato a diversi benefici per la salute, ma poco si sa circa la sua relazione causale con l’indice di massa corporea (BMI).

12/05/2015 LIFE STYLE

Utilizzando i dati relativi a una coorte da tre ondate annuali consecutive del British Household Panel Survey, uno studio longitudinale sulle famiglie inglesi rappresentative a livello nazionale, nel 2004/2005 (n = 15 791), 2005/2006 e 2006/2007. I...

Sedentarietà, durata del sonno e adiposità

26/05/2015 15.25.31

Negli adolescenti la sedentarietà e la durata del sonno appaiono legati a cambiamenti nell’adiposità che sono inversamente associati o mediati dalle interferenze dell’attività fisica e dei sintomi depressivi, ma co...